Noa, lo stupro e il dolore senza tregua: il trauma delle vittime è pari a quello dei veterani di guerra

La morte di Noa, la ragazzina olandese, violata tre volte, a 11 anni, che si è lasciata morire a 17, continua a colpirci e ci interroga. Perchè è la storia di un dolore così grande che ha buttato Noa giù per un precipizio da cui non è riuscita a risalire. Perchè ci ha messo di fronte a una realtà dura: la violenza trasforma le sue vittime, è acido che corrode dentro. E ricominciare a vivere con pienezza è un percorso lungo, lastricato di difficoltà, cadute e ritorni, quasi impossibile da fare se si rimane sole.

Continua a leggere su ilmessaggero.it

  • lunedì, 10 Giugno 2019